Portale Trasparenza Comune di San Giuseppe Vesuviano - Ricorsi contro violazioni al codice della strada

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Ricorsi contro violazioni al codice della strada

Responsabile di procedimento: Rosati Ruggiero
Responsabile di provvedimento: Rosati Ruggiero
Responsabile sostitutivo: Martino Girolamo

Uffici responsabili

Servizio Polizia Municipale

Descrizione

VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA:
il documento che viene lasciato dalla Polizia Municipale sul parabrezza del veicolo (preavviso) non è il verbale vero e proprio ma, appunto, un preavviso di accertata violazione, che è possibile pagare direttamente entro 5 giorni dalla data riportata sullo stesso. Qualora il preavviso non venga pagato nei termini, il Comando di Polizia Municipale spedisce a mezzo posta alla residenza dell'intestatario del veicolo il vero e proprio verbale. In questo caso la cifra che originariamente era indicata nel preavviso viene maggiorata delle spese di procedura e di notifica.
RICORSO
Solamente contro il verbale, e non quindi contro il semplice preavviso, è possibile proporre ricorso. ATTENZIONE! Il ricorso può essere proposto solo qualora il verbale non sia stato pagato.
RICORSI CONTRO LE CARTELLE ESATTORIALI:
Quando il verbale non è stato pagato nei termini e non è stato nemmeno proposto ricorso, viene
avviata la procedura di riscossione forzata per una somma pari alla metà del massimo edittale (circa
il doppio di quella originaria) più le maggiorazioni di legge. Contro l'ingiunzione di pagamento, che determina l'avvio del procedimento di riscossione, è ammesso unicamente il ricorso al Giudice
di Pace, entro 30 giorni dalla data di ricevimento.
 

Come si richiede:

II ricorso contro il verbale di violazione al Codice della Strada, può essere presentato a:

  • Prefetto di Napoli, entro 60 giorni dalla data in cui si è ricevuto il verbale (dal giorno in cui il verbale è stato consegnato direttamente nelle mani del trasgressore oppure, se viene notificato a mezzo posta, dal giorno in cui lo si è ricevuto dal portalettere o lo si è ritirato dall'ufficio postale). Il ricorso può essere trasmesso anche tramite raccomandata postale. Qualora il Prefetto decida di confermare il verbale ingiunge al trasgressore tramite propria ordinanza di pagare una somma pari al doppio di quella originaria richiesta. Se invece accoglie il ricorso il trasgressore non deve pagare nulla;
  • Giudice di Pace, presso la cancelleria dello stesso, entro 30 giorni dalla data in cui si è ricevuto il verbale, oppure può essere anche spedito tramite raccomandata. La cancelleria del Giudice di Pace provvede a notificare all'interessato la convocazione delle parti all'udienza civile in cui verrà esaminato il ricorso. Qualora il Giudice di Pace decida, in udienza, di confermare il verbale, ingiunge con propria sentenza al trasgressore di pagare una somma il cui ammontare può essere deciso dal medesimo Giudice in autonomia. Se accoglie il ricorso il trasgressore non deve pagare nulla. In entrambi i casi non è necessario avvalersi di un avvocato.

 

Chi contattare

Personale da contattare: Rosati Ruggiero
Conclusione tramite silenzio assenso: si
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: da definire
Contenuto inserito il 30-08-2013 aggiornato al 19-01-2017
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Elena d'Aosta - 80047 San Giuseppe Vesuviano (NA)
PEC protocollocomunesangiuseppevesuviano@postecert.it
Centralino +390818285111
P. IVA 01549271219
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza и sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it